Ill Cammino di Santiago di Compostela dal 4 all’11 ottobre 2014

Eventi e Manifestazioni — scritto da il 29 Ottobre 2013

Pino Dellasega WAYS – Il Cammino di Santiago de Compostela

Dal 4 all’11 ottobre 2014 ritorneremo sul   CAMMINO DI SANTIAGO DI COMPOSTELA anche a  passo di nordic walking.

Dopo la splendida ed emozionante esperienza di quest’anno, dove ho percorso lo stesso tratto con un gruppo di 50 amici, ho deciso di riproporlo a cadenza annuale, proprio per il motivo che il Cammino non lascia indifferenti le persone, il Cammino è l’inizio del cambiamento.

Uno dei cammini più conosciuti e frequentati al Mondo, che ogni anno portano centinaia di migliaia di pellegrini in quel che è considerato il viaggio che non può mancare nella vita spirituale ed interiore dei camminatori. Infatti l’apostolo San Giacomo è il patrono dei pellegrini, dei camminatori  e quindi è anche il protettore di tutti i nordic walkers del Mondo.

WAYS DEFINITIVO SANTIAGOUn viaggio dentro noi stessi, vissuto in compagnia ed amicizia condividento il giorno e la notte non solo con il nostro gruppo ma anche con le migliaia di pellegrini che si incontreranno sul percorso.


Nei cinque  giorni di cammino effettivo, saranno circa 120   i chilometri da percorrere, tutti in gruppo, fino a portare  i pellegrini davanti alla porta del Santuario di San Giacomo a Compostela, in Spagna. Santuario dove sono custodite le spoglie visibili al pubblico dell’apostolo San Giacomo.

Il programma definitivo e i costi saranno comunicati a breve non appena l’agenzia Viaggi di riferimento me lo invierà.

“Vi aspetto numerosi per camminare con me sulle tracce dell’apostolo Giacomo; San Giacomo a me molto caro in quanto il patrono del mio paese Predazzo, ma anche il patrono di Medjugorje. Saranno giorni che vivremo insieme uniti in un cammino,  che almeno una volta nella vita si dovrebbe fare, un cammino alla ricerca di noi stessi tra gli altri. Il Cammino di Santiago. (Pino Dellasega)

Per informazioni ed iscrizioni: info@pinodellasega.it – tel 3382994752

Ecco un po di storia su Santiago di Compostela:

GIACOMO L ’APOSTOLO

Giacomo, figlio di Zebedeo, pescatore, era uno dei 12 apostoli, come il fratello Giovanni l ’Evangelista. Dopo la resurrezione di Cristo per molti anni girò la penisola iberica per compiere l ’opera di evangelizzazione. Tornato in Palestina fu fatto decapitare dal re Erode Agrippa, che temeva che l ’apostolo acquisisse un eccessivo potere; i suoi discepoli Attanasio e Teodoro ne raccolsero il corpo e lo trasportarono segretamente con una nave nei luoghi della predicazione. Sbarcati nei pressi di Finisterre si addentrarono in Galicia e gli diedero sepoltura.
Nei secoli successivi si perse traccia del sepolcro. Nell ’anno 813 l ’eremita Pelayo vide, per molti giorni successivi, una pioggia di stelle cadere sopra un colle. Una notte gli apparve in sogno San Giacomo che gli svelò che il luogo delle luci indicava la sua tomba. L ’abate rimosse la terra che nei secoli si era depositata e scoprì il sepolcro. Ne diede notizia al Vescovo locale Teodomiro che confermò la veridicità dell ’accaduto. La notizia giunse presto al papa ed ai principali sovrani cattolici dell ’epoca. Di qui iniziò il culto di Santiago (il nome è la contrazione di San Giacomo). Fu costruita una piccola chiesa sul luogo del sepolcro; ben presto sorse intorno una città che fu denominata Santiago de Compostela (da campus stellae)

I PELLEGRINAGGI

 alcuni secoli gli arabi si erano insediati e dominavano la Spagna del Sud e quella Centrale: San Giacomo divenne il simbolo ed il protettore della reconquista, il processo di riappropriazione da parte dei principi spagnoli della parte della penisola occupata dai Mori. San Giacomo fu quindi raffigurato come santo-guerriero (e denominato matamoro = uccisore dei mori). Si dice che numerose volte il santo sia intervenuto in modo decisivo per aiutare i cristiani a sconfiggere i mori nelle tante battaglie combattute nei secoli successivi (la reconquista si compì nel 1492 con la definitiva sconfitta degli arabi da parte del re Ferdinando e della Regina Isabella “la cattolica”)
Subito dopo la scoperta del sepolcro iniziarono i pellegrinaggi. I pellegrini confluivano qui da ogni parte d ’Europa: la via lattea indicava la direzione da seguire. Il flusso in alcune epoche divenne imponente.

 


Tags: , , , , , , , ,

    21 Commenti

  • clementina ha detto:

    Stiamo facendo dei corsi e spero che ci siano molti disposti per il Cammino!

  • clementina ha detto:

    siamo il gruppo Nordic walking Uisp di Pordenone

  • Cinzia ha detto:

    questa è un idea meravigliosa , sono walker da aprile ma ho un fioretto da espletare il marito della mia + cara amica sta facendo una riabilitazione lunghissima prima di sperare di camminare di nuovo dopo una rovinosa caduta da un tetto e io ho fatto il voto di intraprendee un pezzo del per la sua guarigione, indi sarei davvero onorata farlo come walker fra i walkers

  • Donata ha detto:

    Ho fatto la prima parte del cammino partendo da San Jean p.d.p. in Francia.. qualche anno fa, mi piacerebbe arrivare a Santiago

  • PAOLO E MARIA GRAZIA ha detto:

    BELLISSIMA ESPERIENZA, al passo di nordic walking con i nostri bastoncini, l’abbiamo sperimentato lo scorso anno (in occasione del nostro 30°anniversario di matrimonio) dal 15 al 21 agosto percorrendo la via francese da O Cebreiro a Santiago de Compostela per un totale di km 160 (7 tappe).
    Il silenzio, i bellissimi paesaggi, la compagnia degli altri pellegrini, la condivisione, la stanchezza,la voglia di arrivare, l’allegria, l’accettare quello che il percorso ci riserva, fa del Cammino una bellissima esperienza di VITA.
    Che grande emozione quando si arriva alla Cattedrale di Santiago de Compostela, lì ci siamo presentati con il nostro striscione “NORDIC WALKING MELEGNANO – VIZZOLO”. BUON CAMMINO A TUTTI

  • Patrizia ha detto:

    idea fantastica …leggendo questa mail ho capito che il mio sogno forse si realizzera’ grazie sin d’ora a chi ha avuto questa magnifica idea.

  • keruba ha detto:

    finalmente. spero proprio di partecipare.

  • Sonia ha detto:

    Ciao Pino,
    ho già fatto una parte del Cammino Primitivo da Fonsagrada a Santiago due anni fa con la Daniela Trentin.
    Certo mi piacerebbe tornare con te.
    Appena puoi pubblica il programma.
    Grazie e spero di rivederti presto.

  • tiziana ha detto:

    bravi bravissimi, ho già contattato l’agenzia e deve darmi delle informazioni in proposito, spero tantissimo di poter partecipare a questo evento, bravi per aver avuto questa splendida idea!!!!

  • angela ha detto:

    la strada…nel silenzio…ascoltando la voce del cuore..distillando, passo dopo passo, i propri pensieri e le proprie emozioni…in compagnia della fatica che sciglie le tensioni..sempre più leggera…stanca ma consapevole che stare sulla la strada e continuare a camminare è già una cosa giusta..grazie!!!!!

  • michele ha detto:

    ottima idea spero vivamente di fare parte del gruppo e senpre stato un desiderio andare a Santiago de Conpostela e farlo in conpagnia sara ancora piu bello grazie e spero di avere notizie quanto prima
    michele da mirano ve

  • ALFONSO ha detto:

    BELLISSIMA IDEA.SPERO DI ESSERCI ANCHE SE AD OGGI HO PRESO SOLO 2 LEZIONI TEORCHE DI N.W. E NON HO FATTO ANCORA NESSUNA ESCUSIONE

  • sandra ha detto:

    Grazie Pino per potermi dare la possibilità di sperare di poter fare il pellegrinaggio a cui tengo molto.

    A presto

  • ezia ha detto:

    Ciao!mi sento un pò arrugginita per il N.W. che non faccio da un pò…Ma, la voglia di parteciparvi è tanta e spero proprio di poterlo fare questo cammino.Grazie per lopportunità e complimenti per la splendida idea.Un salutone.Ezia

  • Davide Toba ha detto:

    … a Vicenza aspettiamo il programma!!! già segnata settimana di ferie!!! Grazie!!!

  • Luciano ha detto:

    Ciao Pino,

    ecco veramente una bella occasione per poter condividere “un cammino”. Spero veramente di esserci. Attendo e attendiamo vostre.

    Buon Nordic

  • Caio Pino, leggendo il tuo articolo non possiamo che supportare questa nuova iniziativa. Come sai, siamo “reduci” da 835km di Camino e l’adrenalina ancora ci sta frustando le gambe! Ci auguriamo che molti partecipino con la voglia di camminare veramente insieme e fare un viaggio che porta alla serenità e alla pace, per tutti.
    Un grande abbraccio, Daniela e Alessandra (Maestre della SINW)

  • Dorella ha detto:

    Ciao Pino spero di esserci, naturalmente con MariaGrazia

  • renato ha detto:

    Sono un camminatore da diversi anni mi piacerebbe partecipare a questa iniziativa per il prossimo ottobre, fatemi sapere.
    ciao

  • Vinicio ha detto:

    Ciao Pino, ciao a tutti,
    parlando di Santiago, a me piace dire ..” non è il Cammino che ha bisogno di frequentatori, sono gli uomini che hanno bisogno di frequentare il Cammino..”
    Ottima idea quella di andarci con i bastoncini, ma non perdiamone il senso profondo. Si può camminare dappertutto, il Cammino va vissuto.
    Su questa pagina trovate due parole scritte durante il mio 12° pellegrinaggio: poco tempo per arrivare a Santiago senza aver “perso tempo”.
    BUON CAMMINO a tutti
    Vinicio
    http://www.lapedivella.com/index.php?option=com_content&view=article&id=132:santiago-2012-siamo-tornati&catid=52:santiago-2012&Itemid=165

  • daniela ha detto:

    Spero proprio di poter partecipare è un desiderio che ho da tanto tempo attendo ulteriori delucidazioni ciao

Lascia un tuo commento

Trackbacks

Lascia un Trackback
Nordic Walking Time su Facebook

Le nostre foto su Flickr

    DSCN0928DSCN0898DSCN0862DSCN0806DSCN0779DSCN0768DSCN0813DSCN0751DSCN0746DSCN0728DSC_0672DSCN0693DSCN0678DSC_0735DSCN0658DSC_0700DSCN0605DSC_0667DSC_0737DSC_0663